:
logo
 ] Home  Archivio News  Video Lampedusa  Gallery [

 Lampedusa
Video  - Lampedusa 10 Settembre
Per scaricarlo fare click sui link dopo:"FTP - seleziona un link per iniziare il download"
Power by

 Diritti Digitali

Stop Trusted Computing

No-DRM - No-Digital Restrictions Management


 Servizi
Segnala News
Ricerca

 Cerca


Cerca con Google nel sito


 Utenti
Persone on-line:
admins 0 amministratori
users 0 utenti
guests 2 ospiti

 Validato

 Statistiche
Visite: 2102 / 15923
Statistiche

 Login
Nome utente:

Password:


Non sei ancora registrato?
Registrati ora!

 Read Occupazione CRI di Ragusa
Articoli.pngRete Antirazzista Iblea
Un gruppo di militanti della Rete Antirazzista Iblea ha occupato gli uffici del comitato provinciale della Croce Rossa Italiana di Ragusa per denunciarne il ruolo di forza ausiliare della repressione degli immigrati all'interno dei CPT.

Ragusa, 20/07/2005

Oggi alle ore 9:30 per circa un'ora un gruppo di militanti della Rete
Antirazzista
Iblea ha occupato gli uffici del comitato provinciale della Croce Rossa
Italiana di Ragusa per denunciarne il ruolo di forza ausiliare della repressione
degli immigrati all'interno dei CPT. Durante l'occupazione, è stato esposto
uno striscione dal balcone della CRI con su scritto: "CROCE ROSSA COMPLICE
DELLA VIOLENZA SUGLI IMMIGRATI". L'occupazione è cessata dopo l'intervento
delle forze dell'ordine. Quello che segue è il volantino diffuso per
l'occasione.

LA CROCE ROSSA ITALIANA COLLABORA CON GLI AGUZZINI

La Rete Antirazzista Iblea sostiene la necessità e l'urgenza della chiusura
dei centri di permanenza temporanea per immigrati, veri e propri lager ove
vengono rinchiusi cittadini rei soltanto di provenire da paesi poverissimi
fuori della Unione Europea. Dentro i CPT viene negata non solo la libertà,
ma anche la dignità delle persone; vengono quotidianamente calpestati i
diritti di esseri umani innocenti; viene pianificata la deportazione verso
la Libia, che a sua volta scarica gli immigrati nel deserto, con enormi
rischi anche di morire. Il CPT di viale Colajanni, a Ragusa, da alcuni mesi
incarcera solo donne; donne sottoposte a controlli continui, a forti pressioni
psicologiche, da parte di quei guardoni in divisa o senza, pagati per non
farle uscire dal Centro.
I casi di violenza psicologica e anche fisica, al di la del fatto se siano
accaduti dentro il CPT o al momento della cattura, rappresentano la quintessenza
di queste strutture repressive, volute dalla legge Turco-Napolitano e rilanciate
dalla Bossi-Fini. La Croce Rossa Italiana collabora nella gestione di molti
CPT, fra cui quello di Ragusa; essa è quindi complice dell'ingiustizia che
si esercita su individui rei soltanto di essere poveri, disperati, profughi
per fame o per guerre.
La Croce Rossa nasconde a mala pena con la maschera buonista e umanitaria,
una politica cinica e affaristica, che la porta ad accettare un ruolo di
carceriere in cambio di notevoli interessi economici: per ogni immigrato
detenuto incassa giornalmente 40 euro. Molti volontari della Croce Rossa
sono animati da intenzioni rispettabili, ma devono rendersi conto di essere
strumento di scelte di tipo carcerario qui, come altrove (vedi Iraq) sono
di appoggio all'occupazione militare. Continuare a far finta di niente,
credere di svolgere compiti umanitari, non è più possibile: oggi vanno rotti
i fili di questa complicità con i carcerieri di immigrati e con l'esistenza
degli stessi lager.
La Rete Antirazzista Iblea lancia un appello ai volontari della CRI perchè
lascino subito ogni tipo di collaborazione con una dirigenza affaristica
e compromessa; fa appello ai cittadini perché richiedano a gran voce la
chiusura del CPT.

CONTRO I CPT E CHI VI COLLABORA
PER LA LIBERA CIRCOLAZIONE DI TUTTE/I
NESSUNO E' CLANDESTINO!


Rete Antirazzista Iblea

Commenti | Aggiungi commento | Stampa